La prima domenica di settembre è particolare, per i veneziani. La Regata Storica è importantissima per chi abita a Venezia, non solo per i turisti.

Dalle case private e dalle rive, tutti gli occhi sono puntati sul Canal Grande che si colora con decine e decine di imbarcazioni veneziane a remi cinquecentesche, in una processione che porta il doge, la dogaressa e il resto delle cariche della Magistratura Veneziana dal Bacino di San Marco fino al Ponte della Costituzione, prima di procedere a ritroso e raggiungere la “Machina”, il palco galleggiante di fronte Ca’ Foscari.

Il corteo storico è una tradizione relativamente recente (la prima è degli anni Cinquanta) che rievoca l’accoglienza che fu riservata a Caterina Cornaro, la regina di Cipro che abdicò al suo trono per abbracciare Venezia nel 1489.

Ciò che segue, invece, è molto più antico. Parliamo delle regate, per la precisione gare di Voga alla Veneta, una disciplina presente nella laguna da più di un millennio.

Divisi per categorie ed età, dagli under dodici sulle maciarele agli adulti su caorline a sei remi, le gare sono tutt’altro che eventi pittoreschi, ma vere e proprie competizioni con in palio la gloria e il rispetto della città intera, oltre all’alta considerazione di qualsiasi sportivo del remo.

La più famosa fra queste gare è sicuramente la regata sui gondolini a due remi, con i campioni della disciplina che ogni anno stupiscono per la loro straordinaria bravura e atleticità, alla ricerca del rarissimo titolo di “Re del Remo”, assegnato ai regatanti capace di vincere cinque volte consecutive.

Consiglio ai nostri ospiti di comprare i biglietti, godersi la meraviglia di questo evento e, poi, festeggiare con i locali. Non se ne pentiranno.